TIPOLOGIE

I pannolini lavabili si dividono in quattro macrocategorie: AIO, AI2, pocket e sistema a due pezzi. Se questo è il vostro primo approccio a questo mondo sarà utile sapere in primo luogo come sono composti in generale i pannolini lavabili.

Nel pannolini lavabili troverete sempre una parte impermeabile e traspirante esterna e una parte assorbente interna. Queste due parti principali possono essere separate o unite parzialmente o totalmente,ad esempio con bottoni o cucite. Se la parte impermeabile è completamente separata/separabile dalla parte assorbente è chiamata cover o mutandina impermeabile.

In più, i pannolini lavabili sono dotati di inserti assorbenti e booster. Entrambi servono ad aumentare l’assorbenza del pannolino oppure sono la parte assorbente stessa, ma i booster sono meno ingombranti. Ne vedremo l’uso più dettagliatamente all’interno di ogni tipologia.

Infine a contatto con la pelle del bambino si possono utilizzare: velini raccogli pupù usa e getta o lavabili che proteggono il pannolino dai residui solidi e ne permettono una pulizia più rapida, gli stessi velini in pile, coolmax, minky o suede possono essere usati per mantenere più asciutta la pelle del bambino in caso di arrossamenti, velini in seta buretta che leniscono gli arrossamenti tipicamente durante la dentizione.

Detto questo addentriamoci meglio nel mondo dei pannolini lavabili:

  1. AIO: All In One, sistema tutto in uno composto da un unico pezzo dove la parte assorbente è cucita a quella impermeabile. E’ il pannolino più simile agli usa e getta, più semplice da indossare e per questo adatto a nonne e mariti particolarmente scettici e per l’ asilo. Dotato di elastici in vita e sul giro coscia e chiusura o con velcro o bottoncini. In alcuni modelli la parte assorbente è cucita completamente alla mutanda, in altri solo in parte in modo che nel lavaggio e nell’asciugatura possa “separarsi” dalla mutanda per una pulizia più profonda e un’asciugatura più rapida. In alcuni modelli è possibile aggiungere degli inserti aggiuntivi per aumentare l’assorbenza

open_inside.jpg

VANTAGGI: facile utilizzo come un usa e getta. 

SVANTAGGI: asciugatura più lenta, avendo la parte impermeabile in PUL non staccabile non è consigliabile l’asciugatura in asciugatrice. Non è facile regolare l’assorbenza. Possono risultare ingombranti sopratutto sui neonati.

Marche che trovate nel nostro negozio : TotsBot, Naturalmamma, Tickle Tots, Hahtuvahullu

  1. AI2: All In Two, sistema tutto in due, in cui la parte assorbente si attacca e stacca dalla parte impermeabile tramite dei bottoncini o si appoggia all’interno. Se la mutandina impermeabile esterna non è sporca è possibile utilizzare per più di un cambio. Attenzione a non confonderlo con il sistema a “due pezzi” dove la mutanda impermeabile e la parte assorbente sono distinti. In questo caso è la mutandina che è dotata di elastici in vita e sul giro coscia e chiusura o con velcro o bottoncini.

easy-2015-vkladacky.jpg

VANTAGGI: facile utilizzo come un u&g, resistente e duraturi per più di un figlio non dovendo lavare la parte impermeabile a tutti i lavaggi, di più rapida asciugatura rispetto un AIO. E' possibile riusare la parte esterna come mutandina impermeabile per fitted e pieghevoli (sistema a 2 pezzi). 

SVANTAGGI: di solito bisogna utilizzare gli inserti della stessa marca della mutandina impermeabile.

Marche che trovate nel nostro negozio: Naturalmamma, Anavy, Totsbots, Hahtuvahullu, Petit Lulu, Tickle Tots

  1. Pocket: sistema con tasca, realizzata tra la parte impermeabile e la parte interna del pannolino di solito in pile o tessuto tecnico. Gli inserti assorbenti sono da inserire nella tasca. A seconda delle esigenze di assorbenza si possono inserire più o meno inserti. Per aumentare l’assorbenza si potrebbe utilizzare un booster che è meno ingombrante di un secondo inserto. La differenza tra booster e inserto sta nella dimensione e nella capacità di assorbire: il boster è un “aggiunta” di assorbenza, non costituisce mai da solo la parte assorbente. Dotato di elastici in vita e sul giro coscia e chiusura o con velcro o bottoncini.

VANTAGGI: rapida asciugatura, versatili in quanto è semplice regolare l’assorbenza, economici, una volta assemblati sono facili da indossare come un u&g.

SVANTAGGI: Devono essere assemblati ogni volta dopo il lavaggio.

Marche che trovate nel nostro negozio: Naturalmamma, Wonderoos, NappiMe, Billou

  1. Sistema a due pezzi: sistema costituito dalla mutandina impermeabile esterna e dalla parte assorbente interna, da indossare separatamente.

Prima si indossa la parte assorbente e poi sopra la mutandina. Di solito, se la mutandina non è sporca o bagnata la si riutilizza fino a 3-4 cambi. Le mutande in lana possono essere utilizzate anche per un paio di settimane, mettendole a prendere aria tra un uso e l’altro.

  • Mutanda impermeabile o cover: esistono tre tipologie che si differenziano per il tessuto, la cover più usata è in PUL (poliuretano laminato, vedi scheda tessuti), esistono poi le cover in lana e in pile.

  • Pannolini interni (parte assorbente del sistema a due pezzi)

    - Pieghevoli

    ciripà: è una striscia di maglina di cotone che si piega in due e che si chiude intorno alla vita del bambino grazie a dei lacci piuttosto lunghi. All’interno possono essere aggiunti strati assorbenti in base alle necessità. Sono economici e utilizzabili dalla nascita allo spannolinamento ma hanno lo svantaggio di essere più “laboriosi” da indossare e pertanto meno consigliati quando il bambino inizia a muoversi e divincolarsi sul fasciatoio. Su Pannoliamo trovate i ciripà Disana

    muslin/garza: è un quadrato di garza di cotone solitamente di dimensioni 70x70 o 80x80 cm che si ripiega in vari modi (vedi piegature) e si fissa o con spilla da balia o con gancetto snappy. All’interno possono essere aggiunti strati assorbenti in base alle necessità. Sono economici, asciugano in fretta e si adattano bene anche ai bimbi particolarmente magri e cicciotti ma anche in questo caso sono più “laboriosi” da indossare e pertanto meno consigliati quando il bambino inizia a muoversi e divincolarsi sul fasciatoio. Essendo teli di cotone possono essere utilizzati come bavaglini, asciugamani e qualsiasi altra cosa e a fine vita anche come stracci! Su pannoliamo.com  trovate i muslin Disana e Anavy in cotone e i muslin Alvehamn in canapa

    prefold: è un rettangolo di vari strati di cotone cuciti insieme, in cui la parte centrale è più spessa e quindi più assorbente (6-8 strati la parte centrale, 4 strati le due laterali). Esistono tipicamente due taglie, una fino a 7/9 kg e l’altra dai 7/9 kg ai 15 kg. Si ripiega in vari modi (vedi piegature) e si fissa o con spilla da balia o con gancetto snappy. All’interno possono essere aggiunti strati assorbenti in base alle necessità. Sono economici e molto assorbenti, asciugano in fretta e si adattano bene alla crescita del bambino. Possono essere utilizzati anche come asciugamani, sotto la testa del bambino e a fine vita anche come stracci! Su Pannoliamo trovate i prefold dei seguenti marchi: Ella's house (canapa), petit lulu (bambù e cotone bio), anavy (bambù o cotone bio), unuo (bambù e cotone)

    - Fitted o pannolini sagomati: si indossano come un pannolino usa e getta, sono dotati di elastici sul giro coscia e in vita e chiusura in vita o con velcro o bottoncini. Sono più cari dei pieghevoli ma garantiscono ottima assorbenza in quanto tutto il pannolino è assorbente non solo gli inserti. Su Pannoliamo trovate i fitted dei seguenti marchi: anavy, petit lulu, huda, unuo, totsbots, ella's house. 

web-lx7087_1.jpgnippa_nappi-p.jpg

  • VANTAGGI:

  • Garantisce un’i assorbenza ottimale e per questo è ideale e scelto da molte mamme per la notte.

  • Sistema duraturo in quanto la mutandina non viene lavata a ogni lavaggio ma se non è sporca può essere riutilizzata fino a 3-4 volte.

  • I pieghevoli asciugano velocemente e hanno un’ottima vestibilità per i bambini magri.

  • I fitted asciugano più lentamente dei pieghevoli ma sono più semplici da indossare.

  • Ottimo sistema per i bambini cicciottelli che hanno problemi di segni importanti in vita e sul girocoscia a causa degli elastici.

  • E’ possibile lasciare il bambino con il solo pannolino senza la parte impermeabile nei  mesi estivi per qualche ora. Ci sono dei modelli di fitted che garantiscono una tenuta di massimo due ore senza mutandina impermeabile.

  • i pieghevoli possono essere utilizzati con inserti di pocket o come teli per cambiare il bambino e stracci a fine vita.

    SVANTAGGI

  • i pieghevoli hanno bisogno di una maggior pratica per essere utilizzati correttamente

  • i fitted in bambù, sopratutto i modelli specifici per la notte, hanno bisogno di molto tempo per asciugare.

MATERIALI

E’ possibile suddividere i materiali di cui sono fatti i pannolini in varie categorie a seconda della loro provenienza: sintetici e naturali e a seconda della loro funzione: assorbenti e drenanti.

Tipologia

Classificazione per provenienza

Classificazione per funzione

Cotone

Naturale

Assorbente

Canapa

Naturale

Assorbente

Bambù

Naturale

Assorbente

Microfibra

Sintetico

Assorbente

Lana

Naturale

Drenante

Pile/micropile

Sintetico

Drenante

Tessutti tecnici (coolmax fresh)

Sintetico

Drenante

Minkee

Sintetico

Drenante

Microsuede

Sintetico

Drenante

PUL

Sintetico

Impermeabile

In ordine crescente di assorbenza troviamo: cotone, canapa e bambù.

Cotone: il tessuto più utilizzato, economico, morbido, traspirante, resistente e si asciuga abbastanza rapidamente. All’interno dei pannolini lavabili è presente sotto forma di spugna di cotone, ciniglia, flanella (il più assorbente), jersey e interlok (usati spesso come rivestimento esterno dei fitted) e garza (muslin).

Lo svantaggio è che la coltivazione del cotone richiede l’uso massivo di diserbanti e pesticidi e di acqua, questo la rende poco sostenibile. Una coltivazione più sostenibile è quella del cotone biologico, perchè viene coltivato senza l’utilizzo di pesticidi e agenti chimici. Grazie a ciò, i tessuti che ne derivano sono più forti, morbidi e durevoli di quelli di cotone convenzionale e sono particolarmente adatti a chi ha pelli sensibili perchè privi di sostanze chimiche irritanti.

Canapa: E’ un tessuto molto assorbente, sottile e naturalmente antimicrobico, ideale per la notte. Asciuga più lentamente del cotone. Normalmente nei pannolini si trova sotto forma di flanella e jersey in un misto cotone/canapa in quanto la canapa da sola ha fibre più dure e quindi meno confortevoli. Se diventa duro potete stropicciarlo tra le mani o fare un giro in asciugatrice e tornerà morbido.

La fibra di canapa è 10 volte più resistente del cotone, richiede un uso ridotto di acqua, pesticidi e diserbanti. Inoltre può essere coltivata in una grande varietà di climi. Produce il doppio delle fibre per ettaro rispetto al cotone.

Bambù: è il tessuto in assoluto più assorbente (assorbe circa il 60% in più del cotone), ma asciuga molto lentamente. Molto resistente, traspirante e morbido, affinchè svolga la sua funzione in modo ottimale occorre effettuare circa una decina di lavaggi. Se diventa duro potete stropicciarlo tra le mani o fare un giro in asciugatrice e tornerà morbido. E’ naturalmente antifungino e antibatterico quindi adatto a pelle sensibili. Normalmente nei pannolini si trova sotto forma di spugna di bambù, flanella velour e jersey.

La sostenibilità della sua coltivazione ad oggi viene ampiamente discussa in quanto il bambù non richiede di essere ripiantato dopo il raccolto: la sua ampia rete di radici produce continuamente germogli nuovi, sfrutta la luce del sole ed converte in alimenti per la sua crescita le sostanze nocive presenti nell’atmosfera. In tal senso il bambù è sostenibile, perché non necessita di velenosi pesticidi e fertilizzanti o di petrolio per alimentare macchinari che ne favoriscano la crescita. Ma se si osserva come avviene la produzione del tessuto di bambù allora non è poi così sostenibile. Per approfondimenti: http://www.genitronsviluppo.com/2008/09/23/bambu-sostenibile-fra-tessuti-organici-nanotecnologie-formaldeide-e-certificazioni-tutte-le-verita-di-un-business-che-occupa-600-milioni-di-persone/

Microfibra: tessuto costituito da minuscoli fili di poliestere e poliamide intrecciati insieme.

Assorbe meno dei tessuti naturali e il liquido, se il tessuto viene strizzato, può fuoriuscire. Infatti l’assorbenza della microfibra è dovuta alla disposizione dell fibre che “catturano” il liquido ma non lo assorbono.

La microfibra non va assolutamente messa a contatto con la pelle del bambino poiché tende a seccare la pelle.

Asciuga molto velocemente e pertanto è consigliata se vivete in luoghi umidi con poco sole ma, se non lavata correttamente, tende ad accumulare residui di urina e detersivo e quindi a puzzare. Nei pannolini lavabili viene usata principalmente come inserto per pocket ma esistono anche fitted solitamente come spugna di microfibra.

Una variante della spugna di microfibra con pelo lungo è noto come “Minky”. La casa produttrice TotsBots utilizza la microfibra accoppiata a bambù per un tessuto super assorbente chiamato “Binky”!.

Lana: fibra tessibile naturale con ottime proprietà termo igrometriche. Questo significa che è in grado di mantenere un equilibrio di umidità e temperatura all’interno del pannolino; quando all’interno si crea una temperatura e umidità alte essa viene rilasciata dove ve ne è di meno e cioè all’esterno. Per questo è indicata sia in estate che in inverno. Inoltre è leggermente impermeabile e idrorepellente, cioè assorbe fino al 30% del suo peso senza inumidirsi.

Viene usata principalmente per le cover in lana, o pantaloncini lunghi o corti (longies, shorties) copripannolini.  Per assicurare la impermeabilità va trattata periodicamente con la lanolina.

Woll-Ueberhosen_im_modys_Babyshop_1.png

Pile/micropile: Il pile è un tessuto sintetico nato dalla messa a punto di una fibra sintetica, ricavata dal poliestere. Ha funzione drenante e quindi mantiene asciutta la pelle ed è parzialmente impermeabile. E’ più traspirante del PUL ma meno della lana.

Viene utilizzato come cover in pile (pile pesante), per i velini che proteggono il pannolino e tengono più asciutta la pelle del bambino, come rivestimento di alcuni inserti dei pannolini AI2 o per gli interni di alcuni pocket (micropile). Alcune marche che producono fitted lo inseriscono come strato intermedio (pannolini ibridi) per poter utilizzare il fitted senza cover.  

Bisogna prestare attenzione al suo lavaggio in quanto accumula detersivo che lo rende impermeabile, fa i pelucchi dopo pochi lavaggi, Asciuga velocemente.

Microsuede: come il micropile mantiene asciutta la pelle del bambino senza però fare i pelucchi. Si utilizza per i velini copripannolino ed è consigliato nel periodo della dentizione, quando sono più frequenti gli arrossamenti.

PUL: poliuretano laminato è un tessuto lavorato a maglia dalle fibre di poliestere, reso impermeabile con un processo di laminazione, morbido e traspirante usato per le mutandine copripannolino, wetbag ( borse per tenere i pannolini bagnati o per la piscina) e come esterno di moltissimi pannolini pocket, AI2 e AIO.

interno%20cover%20nb%20petit%20lulu%20-%



In conclusione capire di che cosa sono fatti i pannolini che comprate e utilizzate sul vostro bambino può non essere immediato sopratutto se non siete sarte, o amanti del cucito o non prestate particolare attenzione ai tessuti che indossate! ma è importante!

Ci sono bambini con la pelle particolarmente sensibile che non tollerano i tessuti sintetici, ci sono bambini che non sopportano la sensazione di bagnato che lasciano i tessuti naturali, oppure bambini che fanno molta pipì e che hanno bisogno di  tessuti più assorbenti.

Inoltre il luogo in cui vivete: caldo o umido, con poco o tanto sole, le vostre abitudini di lavaggio e asciugatura sono da tenere in cosiderazione prima dell’acquisto.


Spero che questo riassunto possa perlomeno indirizzarvi sulla giusta strada! se avete dubbi contattateci per una consulenza gratuita